Comune di Proceno

20-03-2017 Avviso pubblico - Progetto Home Care Premium 2017 (Assistenza Domiciliare 2017)


Comune di Montefiascone
Provincia di Viterbo
ENTE CAPOFILA DEL DISTRETTO VT/1

[Comuni di Montefiascone (Ente Capofila), Acquapendente, Bagnoregio, Bolsena, Capodimonte, Castiglione in Teverina, Civitella d'Agliano, Farnese, Gradoli, Graffignano, Grotte di Castro, Ischia di Castro, Latera, Lubriano, Marta, Onano, Proceno, San Lorenzo Nuovo, Valentano]


Visto il bando pubblicato da INPS per l'accesso al progetto Home Care Premium 2017 (Assistenza Domiciliare 2017), che avrà durata dal 01/07/2017 sino al 31/12/2018 per l'erogazione di prestazioni sociali in favore dei dipendenti e dei pensionati pubblici e dei loro familiari;
Vista la D.G.C. n. 54 del 09.03.2017

SI RENDE NOTO
Che sono aperti i termini per la presentazione delle domande per l'erogazione delle prestazioni previste dal progetto HCP 2017. La domanda telematica potrà essere presentata fino alle ore 12:00 del giorno 30 marzo 2017.

AVVISO PUBBLICO
PROGETTO HOME CARE PREMIUM


Il beneficio (art.1) è finalizzato ad individuare n. 30.000 soggetti fruitori delle prestazioni e interventi, economici e di servizi, afferenti alla sfera socio-assistenziale, in un'ottica di sostegno alle problematiche legate alla non autosufficienza.

• SOGGETTI DEL BANDO:
All'interno del Bando (art.2) sono previste tre distinte figure, il Titolare del Diritto, il Beneficiario, il Richiedente la prestazione.

• A CHI SI RIVOLGE:
Il Bando (art.3) è ricolto ai dipendenti e pensionati pubblici, per i loro coniugi, per parenti e affini di primo grado non autosufficienti. Possono beneficiare anche i giovani minori orfani di dipendenti già iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e di utenti pensionati della gestione dipendenti pubblici. Sono equiparati ai figli i giovani minori regolarmente affidati e il disabile maggiorenne regolarmente affidato al titolare di diritto.

• PRESTAZIONI RICONOSCIUTE:
Il Progetto prevede l'erogazione da parte dell'Istituto di contributi economici mensili, c.d. prestazioni prevalenti (art.4), in favore di soggetti non autosufficienti, maggiori d'età o minori, che siano disabili e che si trovino in condizione di non autosufficienza per il rimborso di spese sostenute per l'assunzione di un assistente familiare.
Ad integrazione della prestazione prevalente, si prevedono altresì prestazioni integrative nei limiti del budget assegnato in base al proprio ISEE Socio Sanitario consistenti in servizi di varia natura a supporto del percorso assistenziale del Beneficiario.

• REQUISITI DI DOMANDA: Continua a leggere - Download Avviso (Pdf - 110 Kb)


20-03-2017 Avviso pubblico per il conferimento dell'incarico di Funzionario Tecnico Responsabile dell'Area Tecnica e Tecnico-Manutentiva mediante contratto a tempo determinato e part time (12 h settimanali) ai sensi dell'art. 110, comma 1, del D.Lgs 267/2000 e s.m.i.


IL RESPONSABILE DELL'AREA AMMINISTRATIVA

In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n.22 del 24.02.2017, dichiarata immediatamente eseguibile, e della propria determinazione n.51 del 06.03.2017 di approvazione dell'avviso pubblico e dello schema di domanda nonché dello schema di contratto individuale di lavoro;
Visti:
- l'art. 110 del T.U.E.L. D. Lgs. 267/2000;
- il D. Lgs. 165/2001;
- lo Statuto Comunale nel testo vigente;
- il vigente Regolamento sull'ordinamento degli Uffici e dei Servizi;
- i vigenti C.C.N.L. del Comparto Regioni Autonomie Locali;
Viste, altresì, le altre norme vigenti in materia;

RENDE NOTO
che questa Amministrazione Comunale intende procedere alla selezione pubblica per l'individuazione di una unità di personale cui conferire l'incarico, con contratto a tempo determinato ai sensi dell'art 110 del D. Lgs. n. 267/2000, e a tempo parziale (12 ore settimanali) di "Funzionario Tecnico - Responsabile Area Tecnica e Tecnico Manutentiva". L'Amministrazione garantisce pari opportunità tra uomini e donne per l'accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro, ai sensi della L. n. 125/1991 e in base a quanto previsto dagli artt. 35 e 57 del D. Lgs. n.165/2001.

1. Tipologia e durata del contratto
1.1 L'incarico sarà conferito dal Sindaco con proprio decreto e dal medesimo potrà essere revocato, per i motivi e con le modalità fissate dal CCNL del comparto Enti locali e del Regolamento comunale sull'Ordinamento degli Uffici e dei Servizi. La revoca dell'incarico comporterà, altresì, la risoluzione di diritto del contratto di lavoro. Gli effetti del decreto sono comunque subordinati alla stipula del contratto.
1.2 Il soggetto destinatario dell'incarico sottoscriverà il contratto di lavoro a tempo determinato e parziale con articolazione dell'orario flessibile di 12 (dodici) ore settimanali di servizio.
1.3 L'incaricato sarà inquadrato nella categoria "D3", posizione economica "D3" - profilo professionale "Funzionario Tecnico".
1.4 L'incarico avrà durata fino alla scadenza del mandato elettorale, salvo revoca, per continuità amministrativa, con decorrenza dalla data di sottoscrizione del contratto e in nessun caso potrà essere trasformato in contratto a tempo indeterminato.
1.5 II conferimento dell'incarico nonché la stipula del contratto di lavoro a tempo determinato saranno effettuati previo controllo del possesso dei requisiti di ammissione all'impiego. Ferma restando la responsabilità penale per false dichiarazioni del candidato, l'eventuale mancanza dei requisiti prescritti per l'assunzione comporterà la non stipulazione del contratto di lavoro o l'immediata risoluzione dello stesso, se già stipulato.

2. Trattamento economico
2.1 Il trattamento economico è quello stabilito dalle norme del CCNL del comparto Regioni/Autonomie locali in vigore al momento dell'assunzione relativamente alla posizione economica iniziale della qualifica D3, posizione economica D3, da ridursi proporzionalmente all'orario di lavoro ed è costituito dalla retribuzione tabellare annua per 13 mensilità, dall'indennità di comparto, dall'indennità di vacanza contrattuale, dalla retribuzione di posizione e di risultato.
2.2 L'indennità di posizione sarà stabilita annualmente con apposito atto di Giunta Comunale, così come l'indennità di risultato che sarà riconosciuta nei limiti e con le modalità previste per la misurazione della performance. Gli emolumenti spettanti si intendono al lordo delle ritenute fiscali, previdenziali ed assistenziali previsti dalla legge.

3. Mansioni
3.1 Le mansioni del profilo, sono quelle previste dallo status di Funzionario Tecnico - cat. D3.
3.2 Il soggetto incaricato svolgerà le funzioni di Responsabile Area Tecnica e Tecnico Manutentiva del Comune di Proceno, sarà collocato a tutti gli effetti nella struttura amministrativa dell'Ente e dovrà provvedere ai compiti ed alle mansioni che istituzionalmente fanno capo alla figura di Funzionario Tecnico, Responsabile di Posizione Organizzativa, nonché ad ogni altra funzione prevista dall'art 107 del D. Lgs n. 267/2000 e dalle disposizioni regolamentari riconducibili alla qualifica funzionale ed al servizio di competenza Continua a leggere - Download Avviso (Pdf - 369 Kb)

Download Schema di Domanda (Doc - 45 Kb)

N.B.: La domanda di ammissione alla selezione deve pervenire entro e non oltre il termine perentorio delle ore 12:00 del 10 aprile 2017.


02-03-2017 Avviso: Interventi a sostegno della famiglia - Bando per l'assegnazione di contributi per il pagamento delle utenze (Acqua, Energia Elettrica, Gas)


AVVISO - INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA
Bando per l'assegnazione di contributi per il pagamento delle utenze (Acqua, Energia Elettrica, Gas)

IL SINDACO
Rende noto


Il Progetto è rivolto a soggetti che si trovano in situazioni di particolare disagio socio economico e che per tale motivo non riescono a far fronte al pagamento delle utenze domestiche essenziali, necessarie alla vita quotidiana, quali acqua, energia elettrica gas; gli interventi a favore della famiglia, che i Comuni del Distretto Socio Sanitario VT/1 intendono realizzare, consistono in contributi economici di importo non superiore ad Euro 1.000,00, da destinare a nuclei familiari che versino in condizioni di particolare disagio socio-economico, finalizzati al pagamento delle utenze (Acqua, Energia Elettrica, Gas,), relative all'abitazione di residenza e riferite all'anno 2015;

Possono presentare la domanda i soggetti appartenenti a nuclei familiari in possesso, alla data di scadenza del Bando, dei sotto elencati requisiti (pena l'esclusione):
• Residenza anagrafica in uno dei comuni del Distretto VT/1
• Indicatore della situazione economica equivalente (I.S.E.E.), in corso di validità non superiore ad Euro 8.107,50;
[tale limite è determinato dal valore del bonus elettrico e gas metano, che ammonta ad € 8.107,50].

Le domande devono essere compilate unicamente su appositi moduli e corredate da:
• Dichiarazione I.S.E.E., resa ai sensi del D.lgs. 31.03.1998 n. 109, del nucleo familiare in corso di validità;
• Copia eventuale certificato che comprovi il grado di invalidità, rilasciato dalla ASL;
• Fotocopia non autenticata, di un documento di riconoscimento valido di colui che sottoscrive la dichiarazione sostitutiva e l'istanza.
• Copia delle ricevute di pagamento delle utenze, per le quali si richiede il rimborso, (non verranno rimborsate utenze per le quali si sono già presi contributi da parte del Comune).

Criteri unitari, a livello distrettuale, per la formazione delle graduatorie comunali.
Gli elementi che concorrono a stabilire il punteggio per la formazione delle graduatorie per la concessione degli emolumenti sono:
• Situazione reddituale e patrimoniale del nucleo familiare;
• Il numero dei componenti la famiglia;
• La presenza di particolari situazioni di disagio in ambito familiare.

A) Situazione reddituale e patrimoniale del nucleo familiare.
Ai fini della concessione degli emolumenti, la situazione economica e patrimoniale del nucleo familiare deve essere resa a mezzo di apposita Dichiarazione I.S.E.E., ai sensi del decreto legislativo del 31 marzo 1998, n. 109 e successive modificazioni ed integrazioni.
Il valore I.S.E.E. contribuisce alla formazione di un punteggio totale pari a 60 punti, suddivisi in punti di valore per scaglioni, nel seguente modo:



B) Nucleo familiare e situazioni di disagio.
I punteggi da attribuire sono i seguenti:
• n. 2 punti per ogni componente il nucleo familiare, ivi compreso il figlio concepito (da dimostrare con certificazione medica che attesti il concepimento avvenuto antecedentemente la scadenza dei termini per la presentazione della domanda);
• n. 3 punti per ogni figlio minorenne;
• n. 5 punti per ogni figlio maggiorenne studente a carico;
• n. 6 punti per ogni anziano di età pari o superiore ai 65 anni;
• fino a n. 8 punti per ogni componente con disabilità fisica od handicap psichico accertati, in base alla percentuale di invalidità certificata:
    • inferiore al 33,33% = 1 punto;
    • non inferiore al 33,33% = 2 punti;
    • non inferiore al 46% = 4 punti;
    • non inferiore al 74% = 6 punti;
    • con il 100% = 7 punti;
    • con certificato di handicap grave (artt. 3 e 4 L. 104/1992) = 8 punti.
• n. 10 punti per capofamiglia disoccupato o 15 punti nel caso in cui entrambi i coniugi siano disoccupati;
• n. 5 punti da attribuire a famiglie con disagio socio-economico, accertato con relazione dell’Assistente
Sociale del Distretto.

C) Precedenza a parità di punteggio.
A parità di punteggio nelle graduatorie, si applicheranno i seguenti criteri, che rivaluteranno alcune situazioni nell'ordine seguente:
• Indicatore I.S.E.E.;
• Presenza di minori in famiglia e tra questi, maggiormente, quelli di età compresa tra zero e sei anni;
• Presenza di disabili;
• Presenza di anziani oltre i 65 anni.
Le istanze per la concessione dei contributi regionali devono essere presentate al Comune di residenza entro e non oltre il 31.03.2017 (pena l'esclusione).
Farà fede la data di ricezione da parte del protocollo generale dell'Amministrazione Comunale.
Non sarà ammessa più di una richiesta per nucleo familiare.
L'ufficio competente procederà ad idonei controlli, anche a campione, ai sensi della vigente normativa in materia, sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive che se rilevate non veritiere comporteranno la decadenza dai benefici richiesti nonché l'applicazione delle sanzioni penali previste dall'art. 76 del D.P.R. 445/00.
Per eventuali informazioni ed il ritiro dei modelli per la presentazione delle domande, gli interessati possono rivolgersi al Comune di residenza.

Download Avviso e Modulo di Domanda (Doc - 108 Kb)


18-01-2017 In caso di terremoto - Estratto dal piano di emergenza comunale



09-10-2016 Adotta un Bene Comune



Download Istruzioni: "Cosa devo fare per adottare un'area verde o spazio comunale?" (Pdf - 125 Kb)